Home » webzine » Blog News » Fumo ‘strategico’ nel pacchetto di aiuti all’Ucraina del governo britannico

Fumo ‘strategico’ nel pacchetto di aiuti all’Ucraina del governo britannico

Sigarette gratis alle truppe ucraine. La notizia relativa al fumo ‘strategico’ è apparsa pochi giorni prima della seconda lettura in Parlamento della legge antifumo

 

 

 

 

 

 

In questi giorni il Regno Unito ha annunciato che fornirà altri €500 mln di aiuti militari all’Ucraina sotto forma di 400 camion, 60 barche e un numero non precisato di missili a lunga gittata ‘Storm Shadow’. Non tutti gli aiuti militari inglesi mandati agli ucraini per difendersi dall’invasione russa sono di tipo materiale. Da tempo i britannici collaborano alla formazione dei soldati di Kiev. Finora, circa 60mila giovani ucraini hanno ricevuto l’addestramento in Inghilterra, per poi tornare a combattere nel proprio paese.

La presenza di tanti soldati stranieri sul territorio britannico ha, ovviamente, portato a dei problemi imprevisti. Uno dei più interessanti riguarda le sigarette, davvero troppo care per i ‘visitatori’. Gli ucraini sono notoriamente accaniti fumatori. I giovani soldati di Kiev erano abituati a pagare nel loro paese circa due euro per un pacchetto di venti sigarette. In Inghilterra quello stesso pacchetto costa—dopo gli ultimi aumenti del dicembre scorso—la cifra stratosferica di £15,67, €18,24 al cambio attuale. Peggio, negli spacci delle basi militari inglesi, non c’erano scorte sufficienti per venire incontro alla domanda neppure a prezzi ‘da bagarinaggio’.

Il problema, decisamente serio, riguardante il morale tra le truppe ucraine—in astinenza da nicotina, ansiose e lontane da casa—è esploso poco dopo l’arrivo in Gran Bretagna delle prime reclute da addestrare, nell’estate del 2022, anche se all’epoca non se n’è parlato pubblicamente. Alla fine, è stata trovata una multinazionale del tabacco—che ha preferito restare anonima—disposta a fornire gratuitamente 500mila pacchetti di sigarette per i giovani addestrandi. Tuttavia, le ‘cicche’ dovevano arrivare dall’estero e c’era il dazio da pagare—e non di certo a buon mercato: ben £394 (circa €460) per ogni mille sigarette…

Il Tesoro, alla fine, ha riconosciuto che le sigarette potessero essere importate ‘duty free’ in quanto destinate a una “operazione militare di importanza strategica”. Non sono mancate le obiezioni del DHSC—il Ministero della Sanità e degli Affari Sociali britannico—tendenzialmente contrario a qualsiasi iniziativa possa incoraggiare il fumo, e comprensibilmente preoccupato per gli eventuali problemi legali inerenti alla salute dei fumatori. Alla fine, anche questi hanno ceduto alla necessità: a patto che “fondi pubblici non fossero spesi direttamente a sostegno del vizio del fumo…”

Come suggeriscono le altissime imposizioni fiscali che pesano sul tabacco in Gran Bretagna, lo Stato inglese è per politica un forte oppositore al tabagismo. È interessante notare che le notizie relative al fumo ‘strategico’ sono apparse pochi giorni prima della seconda lettura in Parlamento di un disegno di legge del Primo Ministro, Rishi Sunak, che prevede la graduale—ma totale—abolizione del fumo nel Regno Unito. La proposta non è universalmente popolare…

 

 

Nota diplomatica di James Hansen 

RotoNotizie | © riproduzione riservata

Biografia dell’autore:

James Hansen è un ex diplomatico di carriera e giornalista. In Italia dal 1975, dopo aver svolto vari ruoli nel servizio estero americano, è stato vice-console degli Stati Uniti a Napoli, per poi passare al giornalismo. Corrispondente di diverse testate tra cui l’International Herald Tribune e il Daily Telegraph, è stato portavoce di personaggi come De Benedetti e Silvio e alla guida degli uffici stampa di Olivetti, Fininvest e Telecom Italia.
Dopo essere stato direttore editoriale di EAST, il periodico di politica internazionale ed economica edito da Europeye, oggi Hansen è presidente di una società di consulenza di relazioni internazionali, con sede a Milano, Hansen Worldwide, che consiglia importanti società e istituzioni; e dirige la News smart settimanale Nota Diplomatica, un’iziativa editoriale che conta migliaia di abbonati.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Iscriviti ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevi gratis tutte le notizie, le offerte esclusive e gli aggiornamenti.   Puoi cancellarti in qualsiasi momento.