Home » webzine » News » Il lavoro nei cimiteri va considerato mestiere usurante

Il lavoro nei cimiteri va considerato mestiere usurante

La richiesta del senatore leghista Paolo Tosato in un’interrogazione al ministro del Lavoro. Mansioni che espongono a rischi psicologici, fisici, chimici e biologici.

Lavorare nei cimiteri come necroforo e come operatore cimiteriale è un lavoro usurante e come tale va inserito nel relativo elenco. Lo chiede il senatore della Lega Paolo Tosato in un’interrogazione al ministro del Lavoro, Andrea Orlando. “L’operatore funebre o necroforo -spiega l’esponente del Carroccio- è un lavoratore chiamato ad occuparsi di tutte le attività collegate allo svolgimento di una cerimonia funebre e oltre a queste anche del recupero della salma in regime di reperibilità commerciale e istituzionale sulle 24 ore”, mentre “l’operatore cimiteriale è un lavoratore che si occupa delle attività successive, all’interno dell’area cimiteriale di sua competenza”.  

“Due attività professionali -nota Tosato- soggette a numerosi rischi, di ordine psicologico, fisico, chimico e biologico”. Infatti “l’operatore funebre è a stretto contatto con i familiari nel drammatico momento del lutto, inoltre a lui competono anche le attività di recupero e di ricomposizione della salma per morte traumatica, di cura igienica e tanatocosmesi della salma”. L’operatore cimiteriale invece “svolge attività di esumazione, estumulazione e riordino di tombe, venendo costantemente a contatto con ossa e corpi decomposti”. 

Vanno poi considerati “gli sforzi necessari per la movimentazione manuale dei feretri e le posture scorrette che si assumono nelle operazioni di sepoltura e movimentazione dei feretri, nell’apposizione dei marmi e nell’uso degli escavatori”. Tosato ricorda poi “l’uso di prodotti per la pulizia, la sanificazione e la disinfezione degli automezzi e degli ausili ed attrezzature che vengono utilizzati nelle attività del recupero delle salme e per la disinfezione di mezzi, ausili e attrezzi utilizzati durante le attività di esumazione e di estumulazione nonché per la disinfettazione e il giardinaggio all’interno dei cimiteri”.  

Infine vanno considerati “i rischi di ordine biologico derivanti dalla presenza frequente di agenti biologici in conseguenza della manipolazione della salma e del contatto con liquidi corporei nelle attività di recupero e vestizione della salma”, o conseguenza delle “attività di esumazione ed estumulazione” durante le quali avviene il contatto “con liquidi biologici dei cadaveri aventi carica batterica e potenziali portatori di Tbc e tetano”. Senza dimenticare l’ulteriore aumento di rischi durante il Covid per la presenza di “salme infette”.  

Partendo da queste considerazioni e ricordando che è stata istituita una commissione tecnica “incaricata di studiare la gravosità delle occupazioni, anche in relazione all’età anagrafica e alle condizioni soggettive dei lavoratori, anche derivanti dall’esposizione ambientale o diretta ad agenti patogeni”, Tosato chiede al ministro del Lavoro “quali iniziative stia valutando di adottare al fine di tutelare le figure professionali dell’operatore funebre e dell’operatore cimiteriale, in particolare al fine di disporre l’inserimento di tali mansioni tra quelle considerate usuranti o gravose”. 

Fonte: Adnkronos | riproduzione riservata 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento