Home » webzine » News » Incidente ferroviario Brandizzo, Rfi: “Lavori dovevano iniziare dopo passaggio treno”

Incidente ferroviario Brandizzo, Rfi: “Lavori dovevano iniziare dopo passaggio treno”

“Sotto indagine è il rispetto della procedura di sicurezza”

 

I lavori sui binari del treno che ha ucciso 5 operai ”sarebbero dovuti iniziare soltanto dopo il passaggio” del convoglio. E’ quanto prevede la procedura, secondo quanto scrive Rfi sul quotidiano on line Fs news. ”Per quanto riguarda la velocità del treno investitore, le condizioni della linea gli consentivano in quel tratto di raggiungere una velocità massima di 160 km/h”, aggiunge la società.  

”Sotto indagine è il rispetto della procedura di sicurezza vigente”, spiega Rfi. Questo genere di interventi di manutenzione, che nello specifico riguardavano il cosiddetto armamento (binari, traverse, massicciata), vengono affidati ”anche a imprese esterne qualificate e certificate, e si eseguono come previsto in assenza di circolazione dei treni. Il cantiere può essere attivato, quindi, soltanto dopo che il responsabile della squadra operativa del cantiere, in questo caso dell’impresa, ha ricevuto il nulla osta formale a operare, in esito all’interruzione concessa, da parte del personale abilitato di Rfi”. 

La stessa Rete ferroviaria italiana spiega di essersi ”immediatamente attivata, insieme alle autorità competenti, alle quali sta offrendo il più ampio supporto e collaborazione, per ricostruire la dinamica e le cause del tragico incidente di Brandizzo, nel quale hanno perso la vita cinque operai di una ditta esterna appaltatrice dei lavori”. La società esprime ”sgomento e profondo dolore per quanto accaduto e cordoglio alle famiglie delle vittime”.  

Fonte: Adnkronos | riproduzione riservata 

Foto credit: La stazione di Brandizzo (Fotogramma)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Iscriviti ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevi gratis tutte le notizie, le offerte esclusive e gli aggiornamenti.   Puoi cancellarti in qualsiasi momento.