- Impero Romano -

1453 VS 1922

E se l'Impero Romano avesse invece resistito fino al 1922?

Secondo un punto di vista del tutto rispettabile, sebbene poco comune, l’Impero Romano resistette fino al 1922.

L’usanza – e la preferenza – occidentale è invece quella di supporre che sia scomparso con la conquista di Costantinopoli da parte dei Turchi Ottomani nel 1453.

La lettura di questi eventi varia fortemente tra Est e Ovest.

La storiografia occidentale per tradizione ha scelto di presumere che, con la cattura della città capitale da mille anni dell’Impero d’Oriente – Costantinopoli per l’appunto – il vecchio Impero una volta governato da Roma sia in qualche modo “decaduto”.

Europa occidentale scarto della storia

I Turchi invece ritennero di avere conquistato, con il trono bizantino, l’Impero stesso.

Procedettero a inglobarlo tra gli altri loro territori che diventarono pertanto “parti dell’Impero”: tant’è che il Sultano Maometto II, “Il Conquistatore”, prese tra i suoi titoli anche quello di Kayser-i Rum, il “Cesare dei romani” – ovviamente non i romani “de Roma”, ma i soggetti dell’Impero Romano d’Oriente, perlopiù di lingua greca. 

Per i Turchi quelle “desolate langhe” che costituivano l’Impero d’Occidente appartenevano invece ai “farang”- ai “franchi”-e, spezzettate com’erano tra tante tribù barbare, contavano poco. 

L’Europa occidentale era praticamente uno scarto della storia, mentre il possesso del “vero” Impero
faceva del Sultano anche “l’Imperatore”- più o meno del mondo conosciuto.

 

Vincitore dei "romani", il Sultano comandava e basta

La visione non era senza riflessi pratici. 

Per la maggior parte della sua storia la Sublime Porta – la cancelleria ottomana – non destinava ambasciatori alle corti estere, li riceveva, punto. 

Il Sultano vincitore dei “romani” non ammetteva il bisogno di chiedere favori diplomatici – comandava e basta. 

Il possesso dell’Impero comportava anche un presunto diritto di “recupero” dei territori imperiali persi, come i Balcani ed eventualmente anche l’Italia – dopo il fallimentare esperimento di Otranto del 1480, quando, per un disguido, un esercito ottomano diretto a Brindisi invase invece la città salentina.

La conquista e l'effettivo possesso valevano più di tutto

La pretesa ottomana che il loro dominio fosse la continuazione dell’Impero Romano non era tanto una forzatura dal momento che era la più importante potenza bellica dell’epoca. 

Il “diritto” derivante dalla conquista – e dall’effettivo possesso – valeva certamente più di altri curiosi congegni legali del periodo, come la “Donazione di Costantino”, che per secoli parve dare al Papa di Roma il controllo totale della
Chiesa cristiana fino a che, nel 16° secolo, si dimostrò che era un falso.

Crollo del dominio. Fine del Sultano

Che la sopravvivenza dell’Impero sotto gli Ottomani fosse realtà o finzione non è nemmeno ora una questione vana, anche perché continua a colorare la visione islamica dell’Occidente. 

Occorre tenere presente che “Stamboul” – l’ex Costantinopoli – fu a lungo la città dominante dell’Islam. 

E se l’obiezione degli occidentali alla custodia ottomana dell’Impero dipendesse dal fatto che erano degli infedeli, la
Roma “storica” di Cesare, Tiberio e Augusto non era certamente cristiana…

Alla fine anche il dominio ottomano crollò, dopo una lunga senilità. 

L’abolizione formale del sultanato venne decretata dalla Grande Assemblea Nazionale della Turchia il 1° novembre 1922. 

Il Sultano e Kayseri Rum fu dichiarato persona non grata dalle terre governate dalla dinastia ottomana fin dal 1299.

James Hansen © riproduzione riservata

Link:

La documentazione sul tema odierno è ampia ma molto sparsa. C'è una discreta sintesi Wikipedia (in inglese) sulla "Succession of the Roman Empire"

Print Friendly, PDF & Email
Condividi