Home » webzine » News » internazionale/esteri » Ucraina, i super droni di Kiev: la nuova arma per colpire in Russia

Ucraina, i super droni di Kiev: la nuova arma per colpire in Russia

Vengono utilizzati per colpire obiettivi in profondità, in particolare infrastrutture del settore dell’energia


Droni a lungo raggio, alcuni dei quali potenziati con sistemi elementari di intelligenza artificiale usati per navigare in autonomia anche in presenza di segnali di disturbo che oscurano il flusso di informazioni satellitari di localizzazione. Sono le nuove armi usate dall’Ucraina per colpire obiettivi in profondità Russia, in particolare del settore dell’energia come la raffineria di Rosneft a Ryazan centrata lo scorso 13 marzo. 

La raffineria, che si trova a 500 chilometri dal confine ed è una delle più grandi del Paese, è stata fra l’altro obiettivo di più attacchi. Sono stati colpiti da un drone anche due fabbriche Yelabuga a Nizhnekamsk nel Tatarstan, a 1.100 chilometri dal confine, in cui sembra che venissero assemblati i droni Shahed di progettazione iraniana. Se i droni sono effettivamente partiti dall’Ucraina è questo l’attacco a distanza maggiore mai effettuato con un drone ucraino.  

L’intelligenza artificiale per potenziare le armi

Kiev ha informalmente confermato alla Cnn l’impiego sui droni a lungo raggio di sistemi di intelligenza artificiale. “L’accuratezza della navigazione quando i sistemi elettronici di bordo sono disturbati è resa possibile dall’uso di intelligenza artificiale. Ogni piattaforma dispone di un computer con dati provenienti dai satelliti e da terra. I voli sono organizzati in anticipo con i nostri alleati – sostiene la fonte ucraina, contrariamente a quanto tendono a far sapere gli Stati Uniti – e la piattaforma segue il piano di volo e ci consente a colpire obiettivi con una precisione di metri”.  

“I droni dispongono di una ‘visione automatica’ che è una forma di IA. In sostanza viene inserito in un chip un modello per addestrare a identificare la geografia e l’obiettivo verso cui il drone naviga. Quando il drone viene dispiegato è in grado di riconoscere il punto in cui si trova autonomamente, senza dover comunicare con i satelliti”, ha spiegato Noah Sylvia, analista del Royal United Service Institute.  

“E’ completamente autonomo”, sottolinea. “Questo livello di autonomia non si è mai visto in un drone prima, ma siamo ancora alle prime fasi di sviluppo di questa tecnologia”, ha aggiunto Chris Lincoln-Jones, ex ufficiale britannico esperto in droni e intelligenza artificiale, in una intervista all’emittente americana.  

L’Ucraina usa i droni sin dall’inizio della guerra e ha impegnato risorse importanti per produrli sul suo territorio e in ricerca e sviluppo. In un primo momento il modello era standard, sia per la ricognizione che per attacchi con bombe di piccole dimensioni. Ma lo sforzo sta dando i suoi frutti.  

I danni al settore petrolifero

I droni prodotti localmente consentono una maggior precisione degli attacchi, come dimostrano i raid sulle raffinerie in Russia. Vengono infatti colpite in modo particolare le unità di distillazione del greggio, piuttosto che i centri di stoccaggio del carburante, vale a dire elementi che richiedono molta più tecnologia occidentale, quindi difficili da sostituire con le sanzioni.  

Il 12 per cento della capacità di raffinazione russa è ora dismessa, sostiene l’Ucraina. La Russia ha bloccato provvisoriamente le esportazioni di benzina per evitare l’aumento dei prezzi dei combustibili. I raid hanno provocato un aumento dei prezzi del petrolio, con il costo del Brent a più 13 per cento quest’anno. E’ questa una violazione, da parte di Kiev, del patto non scritto con i suoi alleati: finanziamento e assistenza alle forze di Kiev ma il settore dell’energia russo non si tocca, per evitare crisi a livello globale, né con le sanzioni, men che meno con attacchi, sottolinea Helima Croft, direttrice delle strategie sulle commodity alla Rbc Capital Markets.  

Fonte: Adnkronos | riproduzione riservata 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento