MARIA CRISTINA FRANCONI

Giornalista | Pubblicitario

ESPERIENZE

2012 - ad oggi

editore e direttore di Rotonotizie

Del mio giornale, sul quale scrivo, ormai i occupo  quasi esclusivamente. Da qualche anno sono impegnata infatti anche nel ruolo di editore di “Rotonotizie” . Il nuovo rotocalco dinamico d’informazione, questa volta versione stampa, che ho fondato a ottobre del 2012 e che dirigo. Un’idea autoriale avuta in un giorno di ordinaria follia, e realizzata dopo tanto tempo grazie ad una perfetta intesa e sintonia con un collega amico oggi compagno di vita.  Condiviso con professionisti di primo piano, lo sviluppo del progetto editoriale è soprattutto il risultato di un sostegno inaspettato da parte della famiglia, audace e lungimirante. Un crowdfunding  collettivo ricevuto con sorpresa da Simone Francesco e Mario, che ringrazio per il prezioso contributo. Tre giovani straordinari che fra dinamiche e incertezze, hanno scelto di sognare in grande, e dimostrare che è possibile con un po’ di coraggio e intraprendenza,  sfuggire al grigio quotidiano. 
2000 - 2011

direttore responsabile "Worldcoast"

Annunciata il 18 settembre 2000, con una conferenza stampa a Palazzo Valentini, l’edizione del primo giornale stampato su buste sacchetti e imballaggi.    Il periodico,  di cui ho gerenza, si chiama “Worldcoast” e distribuisce a livello locale appena un milione di copie.  E’ la prima volta che un Tribunale autorizza un editore alla pubblicazione e diffusione di notizie su sacchetti per alimenti.  La progettualità parte da alcune problematiche comuni armonizzate attraverso un servizio di pubblica utilità e raccoglie diversi incoraggiamenti fra i quali il patrocinio della Presidenza  della Provincia di Roma e del suo Assessorato  alla Cultura, che nobilitano l’iniziativa appena nata. Nonostante la maledizione di una giornata di scioperi,  in tanti accettano l’invito. “Sala di Liegro” è affollata di molte autorità e le radio, stampa e tv, nazionali e locali, presenti numerose, naturalmente, ne danno conto.
1994 - 2002

direttore creativo | azionista"Melting"

Decidere di sparire dentro un’agenzia a fare soltanto il direttore creativo,  lasciando agli altri la ribalta e la  gestione  e amministrazione delle cose, è stata una scelta all’inizio dettata dal buon senso. La compagine sociale precedente, nonostante i successi e la fama conseguiti, era andata oltre la  delusione cocente. Inoltre molto è dipeso dal legame che nel frattempo s’era creato anche con alcuni attori – collaboratori, clienti fornitori-, conosciuti facendo  questa straordinaria professione. Gli anni trascorsi nella Publietere e prima ancora nelle tv locali, erano state esperienze molto formative che avevano acceso tante curiosità e un forte bisogno creativo.  In più essere un pubblicitario,  non mi aveva mai impedito la professione giornalistica, seppure solo collaborativa, con testate e uffici stampa. Il tempo mi riassegna infine, ancora una volta, e malgrado le mie intenzioni, il compito della gestione. Ma solo per liquidare l’azienda, messa in croce nonostante il posizionamento sul mercato (raccolta di alcuni dei lavori realizzati), il portafoglio clienti, i crediti esigibili e le garanzie delle lettere di malleva. Galleria lavori in aggiornamento
1992 - 1989

Managing-partner "Publietere"

Tutto ha inizio qui. La Publietere però inizia prima quando ancora con la denomizione di Etere era solo una società di produzione e  distribuzione programmi per la TV (1985). Un cambiamento quello del nome coinciso con quello della proprietà. L’ingresso di nuovi soci porta in dote l’ assorbimento in un importante gruppo, la ” Tecor Invest spa” (1989).  All’inizio è una finanziarizzazione  che permette l’ampliamento di alcune attività e dà impulso alla produzione, costantemente in crescita. Poi si trasforma in un cappio al collo che travolge tutto senza scampo. A parte questo, Publietere per il tempo che riesce a durare fa cose molto egregie che  danno notorietà e garbano ai clienti. Il nome entra subito nella rosa delle agenzie di  pubblicità e centri media di riferimento  e i goals che mette a segno sono per società multinazionali e marchi prestigiosi.Dalla stretta e appassionata collaborazione con i numerosi professionisti e colleghi di quegli anni, scaturirà infatti,  tra campagne, annunci stampa, eventi, promozioni, presentazioni, e gestioni di budgets, un book straordinario, in parte raccolto qui.Galleria lavori
Altro:
Direttore Responsabile Network Radio Luna 
Direttore Responsabile periodico stampa Casa 2000 più
1984-1990

Redattore | Assistente TV6 TeleLupa

A partire da ieri l’altro ieri il giorno prima e indietro, ho sempre fatto un lavoro autoriale, fortunamente sempre con strumenti di natura diversa. La televisione è il punto di arrivo di un mondo in movimento che rappresenta una tappa cruciale. Sogni desideri aspirazioni prendono forma durante questo periodo.  Il lavoro davanti e dietro le telecamere, tra redazione regia e ufficio programmi, mi assorbe completamente. Nel giro di un paio d’anni,  divento un tecnico specializzato di produzione e post-produzione e un conduttore abituato al microcofono e l’obbiettivo. Ma soprattutto, dopo un intenso percorso da redattore sportivo, divento giornalista. La testata giornalistica si chiama Rotonotizie e a dirigerla con saggia mano, è Alessandro Maria Argirò. Il periodo è di cambiamento profondo e segnerà inevitabilmente, le scelte future. 
Altro:
Giornalista/redattore presso emmittenza privata (Teleregione, TeleUniverso, RTL,) e agenzie stampa.
In precedenza avevo lavorato in R.A.I.  come artista in diverse trasmissioni di spettacolo.   

Su di me

Uno dei difetti endogeni a cui bisogna fare il callo per potermi sopportare, è la personalità versatile e poliedrica.  Una predisposizione creativa naturale  che  intoppa spesso chi mi sta vicino. E’ questo l’ingrediente misterioso con il quale coloro la vita. La cosa dipende anche da un’innata capacità manuale e da una più generale convinzione che a tutto c’è rimedio. L’altro difetto è invece una specie di allergia per le bugie, che considero un vero e proprio attentato all’intellighentia e per le quali mi infurio da morire.  Ma a parte questo sono un’ottimista nata e faccio parte di quelli che detesta piangersi addosso. Anzi più grandi sono i problemi e più divento combattiva. Non amo le  tensioni e amo circondarmi di armonia, ma posso mostrare se mi trovo alle strette, denti e unghie insospettabili.  Costantemente attratta da ciò che è nuovo, o quasi nuovo, sono anche cocciuta. Costi quel che costi, infatti, non cambio idea facilmente. In compenso però sono molto affidabile, e se mi prendo un impegno lo porto fino in fondo.  Quello che mi disorienta di più sono i luoghi comuni dai quali in certi momenti mi sento assediata. Ma  basta un millefoglie appena fatto e una giornata di sole per riprendere il controllo e tornare a sorridere,

TRAGUARDI

25 maggio 1987

Premio Fondazione Anna Pane XIX "Maggio Romano"

ricevuto a Roma Sala Protomoteca da "Presidenza Fondazione Anna Pane" XIX edizione

1990

Premio citta di Terracina

riconoscimento concesso da: Accademia Universale "Città Eterna" - Ente Spettacolo e Centro Cultura Palazzo Braschi - Ministero Beni Culturali e Ambientali - Ministero Bilancio e Programmazione Economica - Presidenza Consiglio Ministri

giugno 1992

1° Premio Giornalistico Via dei Coronari

dicembre 1995

Premio "Personalità Europea 1995"

riconoscimento ricevuto a Roma Sala Protomoteca da "Centro Europeo Turismo Cultura Spettacolo" -

Organizzazioni

Iscritta alla SIAE

Iscritta Albo Ordine Nazionale dei Giornalisti

Tp -Tecnico pubblicitario e Responsabile Media

Capacità

Fotoritocco
Photoshop 99%
Video Editing
Edius, Sony Vegas, Video Studio, Avid, Premiere... 92%
Impaginazione Grafica
Illustrator, Xpress, Corel Draw, 80%
Web
Html % CSS 69%
InDesign 55%
WordPress 81%
Joomla! 66%

CONTATTI

(in aggiornamento!)  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: