"Il giornale che fa bene all'ambiente e alla tasca"

Un'idea semplice che rivoluziona il mercato e riduce le emissioni di CO2.

di Rossano Matarazzo

Crisi o no, ogni giorno consumiamo milioni di buste e sacchetti.  Per il solo “trasporto” del pane si parla di centinaia di migliaia di tonnellate di carta. 

Un vero e proprio capitale che quasi inutilmente si perde a tempo di record  nel cestino del riciclo e che potremmo invece sfruttare meglio, ricavandone anche un significativo beneficio economico e ambientale.

Quello delle “buste” e dei sacchetti, e in particolare delle buste destinate al contenimento di alimenti, è un consumo che ingolliamo per legge di cui ci rendiamo poco conto, ma intorno al quale c’è un giro d’affari impressionante e un mercato totalmente privo di concorrenza sostanzialmente ripartito e controllato da un cartello di imprese che, per massimizzare i propri profitti, a scapito di acquirenti e utilizzatori, decide prezzi, limita l’innovazione  e scoraggia, con strategie predatorie, l’ingresso sul mercato di altri soggetti.  

Una logica restrittiva che addensa costi e responsabilità su tutti  e va nella direzione per cui anziché sostenere un cambiamento inevitabile, gli è ostile,  ed ecco la ragione del perchè non c’è alcuno stimolo, neanche in un contesto traballante e connotato dalla scarsità, a lanciare nuovi prodotti, migliorare la qualità o mantenere bassi i prezzi.

Un'idea intrappolata dagli interessi.

Prendete il nostro caso.

Dalla gemmazione di questa iniziativa editoriale sono trascorsi anni, e malgrado le peculiarità che permetterebbero un sensibile risparmio energetico ed economico a tutta la comunità, è incredibilmente ancora ostacolata a tutti i livelli.  

L’idea è semplice e neppure richiede ulteriori risorse. Consiste in un giornale che utilizza  come supporto delle proprie edizioni stampa, le buste per alimenti,  i sacchetti e imballaggi di largo consumo.  Un servizio insomma di pubblica utilità in aggiunta alla funzione di incarto, che armonizza esigenze sociali con quelle economiche e ambientali e genera risparmio e beneficio.  Un giornale che riduce, insieme, prezzo ed emissioni di CO2 e garantisce pure il totale rispetto dei più elevati standard qualitativi e sanitari attraverso una filiera certificata. E questo dovrebbe già bastare a prendere congedo dalle abitudini edoniste.

Ma nonostante la pletora di slogan sul risparmio energetico, l’ottimizzazione delle risorse, e la retorica pauperista nella pubblica conversazione, nessuno slancio oblativo c’è stato fino adesso verso questo progetto; e spinte propulsive non sono arrivate neppure da chi strombazza ai quattro venti un’impeccabile anima “green”. 

Anzi!. Soffocati da una serie di violazioni di diritto più o meno grottesche, con i legali ci siamo ritrovati ad affrontare una torma di plagi, scopiazzamenti, indebiti utilizzi  e, cosa curiosa, non ci siamo mai imbattuti né in una scarsella economica rispetto la nostra proposta; e men che meno abbiamo potuto apprezzare miglioramenti qualitativi di prodotto o di processo.  

Ma quanto ci speculano per essere tanto ostili?

Una vulgata dunque solo per mandare in subisso senso e peculiarità dell’invenzione originale e mantenere sul mercato un’omogeneità di prodotto  che ci costa in più di tasca e di salute, ed evidenzia solo una cosa: aldilà dell’impettito e borioso sussiego, questo nostro modello editoriale ha mostrato a tutti che in realtà “il re è nudo” quando si trova di fronte a una pensata originale.

E questo ci incoraggia e ci stimola a non mollare, nonostante  le numerose astuzie  che di sicuro ci aspettano ancora al varco.  Siamo convinti  sempre di più che quest’idea di usare buste e imballaggi per stamparci un giornale sia una scelta etica rivoluzionaria, troppo convincente per non diventare anche una scelta contagiosa. 

In questo senso val la pena ribadire:  primo,  è un giornale eco-sostenibile; secondo, è gratuito per il consumatore; terzo permette all’esercente/distributore ufficiale dell’editore, di risparmiare oltre il 40% sul prezzo praticato sul mercato. E non basta, con una distribuzione capillare e certificata e un costo contatto più basso di un banner pubblicato in internet, è il mezzo perfetto  per ogni tipo di comunicazione aziendale.

Naturalmente le buste e sacchetti di Rotonotizie sono ad uso alimentare,  perfettamente biodegradabili e compostabili al 100%. 

 ©riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare

A CHI FA PUBBLICITA’ SUL GIORNALE, CREDITO D’IMPOSTA FINO AL 90%.

un bonus fiscale utilizzabile in compensazione da imprese, autonomi, enti no profit.

IO. ROTONOTIZIE. UN GIORNALE DI UN CERTO PESO

Alleggerisce lo "zaino ecologico" degli imballaggi di carta di cui non possiamo fare a meno, e genera co-benefits per tutta la comunità.

NONOSTANTE L'INFORMATIZZAZIONE DIPENDIAMO DALLE FORESTE

L'era digitale non cambia il ruolo della carta che cresce nella percentuale riciclata ma evidenzia sempre un iperconusmo mondiale.

Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: